informazioni +39 071 9942700
 

Accesso in azienda del RLST

Accesso in azienda RLST per conto EBAM/OPRAM come previsto dalla Normativa vigente in materia di salute e sicurezza sul lavoro (artt.47 cc.1,5,6,8; 48 e 50 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i.) e in ottemperanza a quanto previsto dagli Accordi Nazionali e Regionali applicativi del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. sottoscritti dalle Parti Sociali firmatarie in virtù del CCNL ARTIGIANATO applicato dall’azienda (Accordo Interconfederale del 13/09/2011 applicativo DLGS81/08 e Accordo Regionale del 25/11/2011 rispettivamente di Confartigianato-Cna-Casartigiani-Claai-Cgil-Cisl-Uil Nazionali e delle Marche), che pertanto aderisce al Sistema Bilaterale/Paritetico versando mensilmente quota tramite F24-cod. EBNA (quote non scorporabili) avendo già integrato il servizio di RLST nella quota.

 


Infatti [cfr. punto 2) Acc. Interconf. citato] le aziende artigiane fino a 15 lavoratori aderenti al Sistema Bilaterale hanno già univoco il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale considerata la forma di rappresentanza più adeguata a tale realtà; laddove invece, in tali imprese, siano già presenti RLS Aziendali, purché con regolare e documentata elezione e formazione, potranno operare nel corso del triennio del loro mandato [vd. punto 2.2.2] e saranno rieleggibili solo se le Parti Sociali regionali ne valideranno la prosecuzione.

 

Si invita quindi a prendere contatti e/o confermare l’incontro per l’accesso ai luoghi di lavoro da parte del RLST adempiendo a quanto indicato dall’art.50 e nel pieno esercizio delle funzioni di cui all’art.48 del citato D.Lgs; i nominativi ed i contatti dei RLST sono disponibili sul nostro sito internet, ottemperando a Vs tutela a quanto previsto dalla Normativa vigente in materia in virtù del Vs CCNL sottoscritto dalle Parti firmatarie gli Accordi citati.

* * *

Inoltre le aziende aderenti per CCNL al Sistema Bilaterale/Paritetico non devono provvedere alla comunicazione telematica INAIL del proprio RLS(T) in quanto è un’operazione svolta annualmente dall’Organismo Paritetico OPRAM, il quale invia i nominativi dei RLST dell’ARTIGIANATO operanti in tutto il territorio regionale, sia all’INAIL Marche che alla Regione Marche, adempiendo così a quanto previsto dall’art.51 cc.8, 8-bis D.Lgs 81/2008 e s.m.i. ed assolvendo per conto delle imprese CCNL ARTIGIANATO (di cui all’Acc. Interconf. del 13/09/2011 applicativo D.Lgs 81/08) l’obbligo di invio ai sensi all’art.18 c.1 lett. aa) D.Lgs 81/2008 e s.m.i. .


 

Qualora si tratti di aziende artigiane oltre 15 lavoratori dovranno inviare allo scrivente Organismo Paritetico la documentazione comprovante la corretta elezione e formazione del RLS aziendale (ai sensi dell’art. 37 c.12 D.Lgs 81/2008), ovvero:
– verbale di elezione sottoscritto dai lavoratori (e successive riconferme o rielezioni)
– attestato di formazione (corso base e successivi aggiornamenti)
– ricevuta invio nominativo INAIL (ricevuta e progressivo della richiesta)
– dichiarazione sottoscritta dal titolare dell’azienda che il RLS di riferimento non è socio di società, né associato in partecipazione, né collaboratore familiare

Qualora l’azienda NON disponesse di tale documentazione si invita a prendere contatti con uno dei RLST della Provincia di appartenenza.



–  NOTA BENE  –

E’ bene precisare che al comma 1 dell’art.47 del D.Lgs 81/2008 viene indicata che “l’elezione dei rappresentanti per la sicurezza avviene secondo le modalità di cui al comma 6”  ovvero  “di norma” nei termini descritti nei commi 3 e 4 “salvo diverse determinazioni in sede di contrattazione collettiva”, come sottolineato al comma 8.

A tal proposito le aziende che applicano CCNL artigianato, cosi come gli Accordi sottoscritti dalle Parti Sociali firmatarie lo stesso, sono regolamentate in materia di sicurezza dal già citato Accordo Interconfederale applicativo del D.Lgs 81/2008 del 13/09/2011, di cui al punto 2 “le Parti firmatarie concordano che la figura del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale venga istituita in tutte le imprese che occupano fino a 15 lavoratori” poiché “valutano concordemente che il RLST, ai sensi degli artt. 47 e 48 del D.Lgs 81/2008 e smi, operante nel sistema della bilateralità artigiana (Organismi Paritetici) è la forma di rappresentanza più adeguata alle realtà imprenditoriali del comparto artigianato e, in tal senso [le Parti] sono impegnate affinché tale modello si affermi in maniera generalizzata”, considerando inoltre che “la durata dell’incarico è di 3 anni” per il RLS interno (punto 2.2.2).

Questo è quanto regolamentato per le aziende artigiane poiché rispetto a quanto previsto dal D.Lgs 81/2008 che si rivolge a tutte le imprese italiane di ogni settore, l’Accordo Nazionale Interconfederale applicativo del D.Lgs 81/2008 definisce delle specifiche per le aziende artigiane perché parte integrante della loro CCNL, allo stesso modo di come le stesse aziende artigiane dal 2010 sono tenute per loro CCNL al versamento in favore dell’Ente Bilaterale tramite F24-cod. EBNA (Nuova Bilateralità prima, FSBA poi), o come gli autotrasportatori che vi aderiscono obbligatoriamente per CCNL  dal 2016, con tutto ciò che ne consegue.

 

La quota del RLST non è scorporabile dal versamento EBAM e non viene rimborsata per aziende fino 15 lavoratori con triennio di carica RLSA già scaduto e già contatatte dal RLST, negandovi l’accesso e senza fornire alcuna documentazione; le Parti Sociali Reg.li rimandano agli Accordi vigenti, come specificato sul nostro sito (LINK) .



FSBA > EBAM  F24: Versamento unico aziende artigiane  Nominativi e contatti RLST

 

 
 

Altri Articoli in RLST

 
 

Condividi questo Articolo